ROMA, 23 gennaio 2007. - Il giudice sportivo ha emesso i suoi verdetti: una giornata di squalifica a Francesco Totti per la reazione alla gomitata di Galante durante Livorno-Roma di domenica scorsa. Il capitano giallorosso, multato di diecimila euro, salterÓ quindi Roma-Siena e giocherÓ la partita del 4 febbraio contro l'Inter al Meazza. Il giudice sportivo ha inoltre squalificato Gionathan Spinesi (Catania) per tre giornate, e Lorenzo D'Anna (Chievo) per due giornate.

Francesco Totti Ŕ stato squalificato e multato "per avere, al 46' del secondo tempo, in reazione ad un fallo subito, spinto con veemenza un avversario, portando le mani all'altezza del capo dell'antagonista, sanzione correlata alla qualifica di capitano della squadra". Questa la motivazione del giudice sportivo. Il nervosismo del dieci giallorosso al termine della partita con il Livorno era culminato, dopo la spinta a Galante, con un'altra spinta al suo preparatore atletico personale e amico di sempre Vito Scala.

L'atteggiamento di Francesco Totti ha fatto molto discutere e, dopo tante reazioni contrastanti, la sentenza del giudice sportivo era molto attesa in quanto valutazione istituzionale. Il mondo del calcio si Ŕ tendenzialmente schierato a difesa del capitano giallorosso, Carlo Mazzone e Gennaro Gattuso in primis. Alcuni cronisti, come l'opinionista di Sky Mario Sconcerti, hanno invece stigmatizzato la tendenza di Totti a reagire in modo inconsulto invocando, in qualche modo, una punizione esemplare. Critico nei confronti del capitano della Roma anche il presidente degli arbitri Cesare Gussoni.

Il giudice sportivo non ha usato la massima severitÓ, la singola giornata di squalifica Ŕ infatti la sentenza minima per un giocatore a cui Ŕ stato mostrato il cartellino rosso. Tre turni di stop invece per l'attaccante del Catania Gionathan Spinesi, per una simulazione nella gara contro il Cagliari. Lorenzo D'Anna del Chievo non potrÓ partecipare alle prossime due gare di campionato, mentre gli squalificati per una giornata, oltre Totti, sono Accardi (Sampdoria), Colucci (Catania), Filippini (Livorno), Montolivo (Fiorentina), Moro (Empoli), Pinzi (Udinese).

 

Da Repubblica.it